interviste

la voce di un Ticino in continua crescita ed evoluzione

Gerardo Segat 

La leaderness: essere, individui, straordinari

Il promemoria di vulnerabilità insito nei megatrend, Covid incluso, e l’esperienza internazionale evidenziano che l’umanizzazione della leadership fa la differenza. Il focus del leader si è spostato dall’input all’output: dal sapere e saperlo fare al saperlo essere e all’impatto prodotto.

La qualità dell’essere determina la qualità del fare: la leadership (come fare il leader) evolve in leaderness (come essere il leader) e diventa forma mentis, abilitando così individui e organizzazioni straordinarie con al centro l’essere umano e un proposito rivolto a comunità, territorio e con in dote un lascito continuo e diffuso.

Oggigiorno le organizzazioni hanno la necessità di impiegare leader capaci di valorizzare, guidare persone e ciò rappresenta un fattore critico di successo. La leaderness fa di tale necessità virtù, in che modo accoglierla e diffonderla?

Come individuo, è la consapevolezza e la manifestazione della propria eccellenza distintiva, genialità, intima autenticità e del proprio scopo esistenziale a permettere di ristabilire la necessaria connessione tra l’essere leader e l’essere umano presenti in ognuno di noi. Nasce (o resuscita) così il “leader straordinario” a cui le parole protezionismo e difensivismo, così diffuse alle nostre latitudini, non appartengono.

A livello aziendale, due sono i fattori critici di successo: l’integrazione e la durabilità dei modelli, processi, metodologie, modalità, format adottati che accolgono la leaderness. Micro-forum di team, dibattiti decisionali, strumenti per il brainstorming, trasformazione dei conflitti, branding valoriale, interazione emozionale con i clienti sono alcuni esempi.

Un nuovo paradigma aziendale con un proposito e le persone al centro, non i profitti che rimangono un imperativo ma nella leaderness diventano conseguenza naturale e non il fine ultimo, grazie a collaboratori coinvolti e realizzati, clienti entusiasti e fidelizzati, fornitori partner, azionisti remunerati e comunità fiorenti.

“Leader straordinari” abilitano “organizzazioni straordinarie” e viceversa; entrambi facilitano “comunità e territorio straordinari”. Quale l’impatto della leaderness su quest’ultimo?

Il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, grazie al CAS Leaderness (Extraordinary Leadership) e al contributo di molteplici luminari a livello internazionale previsto nel suo programma, offre l’opportunità alle organizzazioni e alle loro persone di integrare la leaderness e i suoi benefici, rispondendo a questo trend affermato a livello internazionale comunque in arrivo prima o poi.

Pubblicazione articolo: INFOpmi Alto Mendrisiotto – marzo 2022